Utili&futili

Primo settembre. eccoci qui BirbaMamme pronte a ripartire.

palle

Che palle! É il primo pensiero che mi sento di condividere. Eppure, non so per voi, ma per me settembre ha sempre rappresentato un “giro di boa” ancor più di gennaio. il rientro dopo le vacanze, i progetti per l’autunno e, quando eravamo piccoli la ripresa della scuola, poi dell’Università, e oggi del lavoro. Un tirare le somme, carica delle energie estive per ripartire e affrontare l’inverno.

E anche in questo blog, da oggi si ricomincia con slancio e una nuova consapevolezza.

Sono tante le cose di cui vorrei parlarvi e tante le idee che spero riusciremo a realizzare io e le altre BirbaMamme per rendere questo spazio virtuale sempre più ricco ed interessante.

Inizio da una parola, quella che ha caratterizzato la mia estate: “MINDFULNESS”.

farfalla

In sintesi cercare una nuova consapevolezza, prestare attenzione, all’hic et nunc, essere qui e ora, godere di ogni momento e ritrovare la bellezza delle piccole cose.
Non posso spiegarvi tutto in poche righe perché sono solo all’inizio di un percorso ma quest’estate ho conosciuto persone che saranno importanti per la mia e la “nostra” crescita personale, amiche che mi hanno dato idee e suggerimenti preziosi e spero solo di riuscire a mettere tutto in pratica e condividere questa esperienza con voi.
A dire il vero è stata anche un’estate “diversa”. L’anno scorso ero ancora alle prese con un BirbaMarmocchio che sembrava essermi piovuto dal cielo, mi dividevo tra poppate e nanne, lunghe passeggiate e dormite da ghiro per riprendere le forze e guardavo stupita quel cosino urlante che si agitava nella culla.
Quest’anno quel marmocchietto invece ha cominciato a rivendicare spazi e attenzioni, i suoi primi passi e le prime parole mi hanno messo davvero difronte al fatto compiuto: hai un figlio. E mo so cavoli tuoi.
Si, lo ammetto, non me ne ero ancora resa conto così prepotentemente.
Tutto, alla fine, ha preso una piega diversa. E anche l’estate è diventata… altro.
Niente più giornate al mare sul lettino a prendere il sole e rilassarsi ma corse sul bagnasciuga per stare dietro a un pargolo gattonante che proprio al mare ha deciso di tirarsi su e mostrare il suo futuro da maratoneta camionista (un camion ci ha salvato la vita: un camion di plastica che il Bambolotto ha spinto su e giù per le passerelle della spiaggia ininterrottamente!).

jack
Le sue prime amicizie e le sue prime lotte per rivendicare i “suoi giochi” rispetto a bimbi più grandicelli e prepotenti.
Quelle due sillabe messe insieme che diventano il suono più celestiale che tu abbia mai udito “mam -ma” e la speranza che al mattino all’alba non stia dicendo a te ma a qualcuno materializzatosi all’improvviso in casa per svegliarsi al posto tuo.
La nonna che ormai non ti vede più e si dimentica che esisti come figlia ma vive con un cucchiaio in mano per nutrire il nipotino e tu, chi sei tu?
E le serate passate ad andare a letto alle dieci pechè proprio ti si chiudono gli occhi pensando a quando invece alle 22 iniziavi a prepararti per uscire con gli amici.

ioegsummer

 

Insomma tante emozioni che hanno reso unica questa estate, e anche qualche piccola nota stonata, come il veder sparire quelle che credevi “amiche” sol perché non avete più gli stessi orari e le stesse priorità.
Si, mi sono mancate molto le mie chiacchiere inutili in spiaggia, le giornate al mare in cui l’unica occupazione era informarsi sui flirt estivi e le serate “buttata” su un muretto a tirare l’alba.
Mi sarebbe bastata magari una telefonata, un piccolo sfogo per allentare il peso di giornate Bambolottodipendenti ma mi sono resa conto che non tutti sono disposti ad ascoltare mamme, che ammettono di sentirsi (qualche  volta) inadeguate in questo ruolo.
Ci sono stati momenti in cui mi sono sentita tanto sola nonostante la folla.

aereo
Ma avere un figlio, insegna anche a rimescolare le carte e ristabilire priorità che ignoravi e, perché no, a fare una pulizia di quei rami secchi che forse ti impedivano di rifiorire.
E  non credo sia un caso se ho chiesto a una professionista di diventare una colonna portante del nostro sito e aiutarci a parlare di ansia, stress, depressione.
Nei prossimi giorni vi racconterò di lei e affronteremo anche argomenti più seri come l’adozione, i conflitti tra partner, la tristezza.
Per ora iniziamo dalle facezie: settembre vuol dire anche rientro a scuola e il nostro Simon&TheStars ha pensato a un baby oroscopo a misura di asilo (o scuola materna), io vi sto preparando delle rubriche shopping per BirbaMarmocchietti cool, giusto per non perdere l’abitudine, e ci saranno idee sfiziose per rimettersi in forma, nuovi progetti per il fai da te… e avete letto del concorso?

 

Oddio, non è proprio un concorso serio ma un modo per condividere i ricordi di questa estate. Basta scegliere la vostra foto  sul tema “Di che colore è stata la tua estate?”  e postarla sulla pagina Facebook di BirbaMamme.
Tra quelle che raccoglieranno più like  una giuria di BirbaMamme doc eleggerà la vincitrice e ci sarà una sorpresa.

Siete pronte?


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.