Utili&futili

Ok mamme, questo è solo il primo post di uno speciale “HOT” che vi parlerà di sesso come sempre avreste voluto.

Lo so, per molte di noi è anacronistico parlare di sesso dopo aver avuto un bimbo.
Ed è inutile che facciate finta che per voi non è vero perché la libido, care mie, dopo la gravidanza cala a tutte, pure a quelle che, prima, ribaltavano materassi e si vantavano “Io almeno una volta al giorno”.
N.B. Se avete amiche che, nonostante abbiano figliato, continuano a dirvi che per loro è tutto come prima, non vi fidate: mentono!
Detto questo veniamo a noi.

bcb900acbebe87b65e1029f5fba6d983
La verità è che spesso, dopo una gravidanza, l’ultima cosa a cui una donna pensa è quella di mettersi a fare i giochini hot col marito, divisa tra pappe, allattamento, cacche e vagiti.
Al massimo gli concedi una sveltina tra un cambio di pannolino e l’altro, giusto perché, se sei cattolica, non ti si accusi di non tener fede ai tuoi doveri coniugali.
Il problema è che alla fase di assestamento post parto e allo scombussolamento ormonale già di per sè destabilizzante, non è che segua una situazione migliore, anzi!
A tutto il resto si aggiunge la stanchezza, il ritorno al lavoro, la casa da sistemare e, come detto sopra, la famosa libido che latita.
Salvo rare eccezioni (ossia chi ricomincia a far sesso per dare fratellini e sorelline varie ai pargoli), la vita sessuale non è più come prima.
Colpa della maternità? Sì. No. Solo in parte.
Perché ahimè, anche se la maggior parte di noi vive felicemente questo stato ascetico riservato solo a una donna, l’unica prescelta, di nome Maria vissuta più di 2000 anni fa (sì, parlo proprio della Madonna),  fatta questa eccezione biblica, alle comuni mortali non è concesso di vivere senza pulsioni sessuali e soprattutto senza che nessuno venga a dirti: “Scusa ma sei normale?”, o che il marito sia autorizzato a cercare un’altra o che le amiche (quelle single ovviamente) dicano che sei sfigata e che è solo colpa tua.
Che un po’ è vero. Non che sei sfigata, ma che la colpa è tua.
Facciamo outing, su.
Noi siamo lì e quella cosa da cui è uscito l’amore più grande della nostra vita ( e in cui circa nove mesi prima era entrato quello che credevamo appartenesse all’amore più grande della nostra vita) non reagisce.
C’è… ma è come se fosse imbalsamata. E a noi va bene così, mummificata. Abbiamo altro a cui pensare!
Ma quella cosina pelosa lì in realtà non è morta. E’ solo che qualche sottilissimo collegamento che la fa funzionare va in tilt.
Quella cosa pelosa infatti è un sofisticatissimo marchingegno azionato da una serie di microcircuiti: relax, endorfine, stimolazioni esterne, amore, affetto, vista, tatto, udito, profumi, cibo, rabbia,desiderio, testa, cuore, cervello, anima, stanchezza, rassegnazione, felicità, desiderio…
Basta che anche solo uno di questi chip non venga collegato in modo adeguato e vedrete lampeggiare la scritta luminosa GAME OVER e vi ritroverete con le pulsioni sessuali di un’ameba ermafrodita.

Loro, i signori uomini intendo, invece passata la fase iniziale dello spavento: “Oddio cosa è uscito da quel corpo???” che dura al massimo due tre giorni (a volte ore, minuti) dopo il tuo parto,  iniziano a guardarti, di nuovo, come femmina trombabile.
E anzi, sono quasi infastiditi da quel moccioso/a ciucciatette che ti monopolizza togliendogli attenzioni.
Per loro è inconcepibile che per te non sia la stessa cosa.
Soprattutto dopo che negli ultimi mesi hanno dovuto fare i salti mortali per fare sesso con una mongolfiera.
Ma il problema è solo nel funzionamento:  il loro “Coso” non funziona come la nostra “Pelosa”.

Mi spiego: il loro reale augello è animato da un meccanismo base, una sorta di leva meccanica a carica infinita… basta sollecitarlo nel modo giusto, anche a 90 anni,  e non c’è stanchezza, frustrazione, ormone, senso che tenga….taaac….e Coso va su.

Quindi BirbaMamme, rassegniamoci.
Ironia a parte, però, tutta questa bella introduzione serve a dirvi che anche i più sofisticati meccanismi possono essere riparati e, vi dirò di più, addirittura potenziati.
Il miracolo?
Si ottiene con impegno, allenamento costante (no, non dovrete fare maratone di sesso tantrico) e, studio.
Cioè, in parole povere: se davvero volete venire fuori dal tunnel dell’astinenza (volete? Siete sicuresicuresicure?), dovete rinforzare in primis i muscoli (sì, anche là sotto) e poi capire bene come funziona Pelosa.
Io ho deciso di impegnarmi e, per iniziare, il 21 febbraio vi invito (chi è a Milano) a venire al corso tenuto dalle ragazze di MySecretCase Orgasmic Love“, per scoprire i segreti dell’orgasmo 

3-Orgasmic-Love-banner-corso
Per chi non potesse venire o fosse troppo pudica (vergogna!), vi prometto che prenderò appunti dettagliati e vi svelerò tutto in vari post.
Intanto, il primo segreto che mi sono fatta svelare dalla sessuologa è che, per la nostra missione, ci vogliono le palle.
Ma tranquille, quelle di cui parlo si comprano in qualsiasi sexy shop 😉

palline-vaginali-kegel-balls-set-fifty-shades-of-grey-

Kegel Ball Set su Mysecretcase.com

 


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *