Nanna

Ci risiamo. Un’altra notte insonne. E se dopo averle provate tutte come suggerisce nel suo racconto Birbamamma Claudia, lui non accenna a chiudere occhio… ecco qualche consiglio per salvarsi la vita… e la sanità mentale:

1. Non fatevi condizionare dai consigli altrui (spesso non richiesti)  e non sentitevi mai in colpa: se il neonato non vuol dormire non è colpa vostra, più semplicemente non lo sa fare. Punto.

2. Non preoccupatevi, non morirete, anche se pensate  spesso che succederà per lo stress e la fatica. Anzi, dopo qualche mese vi sentirete più in forma dopo una notte insonne, piuttosto che dopo una notte di sonno continuato. Provare per credere.

3. Almeno per i primi 3 mesi di vita la parola d’ordine è sopravvivere: quindi approfittate di ogni momento per riposarvi. Pennichelle sul divano o pisolini pomeridiani, tutto è concesso. Ogni momento in cui lui chiude gli occhi, fatelo anche voi. E se allattate, questo vi aiuterà a produrre più latte.

4. I neonati non fanno capricci. Se piangono, è per un motivo, soprattutto i piccolissimi. Che sia mal di pancia, fame, freddo, caldo, pannolino bagnato…durante il primo anno di vita il pianto è il suo modo di comunicare un disagio. Non vi fate convincere da chi sostiene il contrario: è universalmente provato che i pargoli non sanno recitare. O forse pensate di aver messo al mondo un novello Marlon Brando?

baby-20339_1280

5. Ognuno nel suo spazio si dorme meglio quindi, se potete, mettetelo sempre nel suo lettino o culla. Sarà più comodo lui e voi. E soprattutto non prenderà cattive abitudini”. Ora è un microbo e non occupa tanto spazio ma presto crescerà. Molto presto.

6. Provatele tutte prima di rassegnarvi: ninna nanne, stereo a palla con gli ACDC, cullamenti, viaggi in auto e circumnavigazioni dell’isolato in passeggino. Ci sta che alla fine troviate il metodo giusto. Ogni bimbo ha le sue preferenze.

Queste non sono regole auree ma consigli spassionati frutto dell’esperienza e di tante letture sul tema sonno.Una cosa è certa: solo la mamma conosce il suo bambino e solo la mamma sa cosa è meglio per lui (e per se stessa)  perciò anche quando vi sentite stanche e frustrate, cercate di seguire sempre il vostro istinto.

E voi, avete mai avuto problemi a fare addormentare il vostro cucciolo?

 


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.