Bua

21 grammi. Tanto pare che pesi l’anima.

Questo secondo lo scienziato Duncan MacDougall che nel 1907, constatò che la perdita di peso medio per ciascuna persona post mortem era ¾ di oncia, ossia circa 21 grammi.

Anche se la teoria del dottor McDougall non fu mai accolta,  la storia dei 21 grammi è diventata quasi opinione comune. 

Avete mai visto il bellissimo  film con Sean Penn?

Comunque, tornando all’ anima, la mia ora pesa circa 21 kg.

E con anima intendo, “L’anima mia” cioè #ilRibelle.

Che oltre a essere un bel bambino vivace è anche un mangione e mette su peso allegramente.

Peccato per lui che si ritrovi con una mamma e un papà non proprio in perfetta forma fisica.
Tant’è che quei 21 kg alla lunga ci hanno “provati”.

Il papà praticamente non sopravvive se ogni mese non va da fisioterapista e ogni settimana a pilates, io invece ogni tre per due mi blocco che manco mia nonna, perché non faccio alcuna attività fisica.

ribelle, mare, sollevare, schiena

La differenza tra me e il papà?

Il Birbapapà quando si blocca si imbottisce di antinfiammatori e antidolorifici.

Io prima di ricorrere ai medicinali, visto che sono pigra pure nel farmi sottoscrivere le cure, preferisco rimedi più soft e vecchio stampo.

Tipo i massaggi con la canfora, gli oli essenziali.

Alla fine però  metterci d’accordo è stata Esi.  E con grande mia sorpresa.

Vi ho già parlato di questa azienda perché amo e uso molti  suoi prodotti.

Tra gli altri, Esi produce una serie di rimedi per i dolori articolari nella linea NO DOL.

Il mio prodotto preferito sono i Cerotti NO DOL.

Sono pratica: spesso non ho tempo di applicarmi la crema e non ho mai davvero pensato alla prevenzione, così , i “patch” sono la soluzione per me ideale: quando ho un dolore  me li attacco e in un attimo il dolore passa.

Pensate quanto sono stata felice di ricevere da Esi l’intera gamma, Cerotti, Capsule e Crema NO DOL  per testarli. Appena arrivati li ho nascosti in un cassetto.

Le Capsule in realtà sono degli integratori, le ho messe subito da parte perché avrei voluto portarle anche alla Birbanonna, che è un rottame.

A inizio mese però sono partita lasciando il Birbapapà solo a Milano.

Sono tornata e… Crema e Capsule erano spariti.

Ho cercato ovunque (in casa, lo ammetto,  non sono  nota in casa per il mio ordine) ma… Niente.

Ho trovato solo i Cerotti.

Poi un giorno, serafico come non mai, il Birbapapà, mentre parlavamo di attività fisica mi dice:
“Ma sai che quelle capsule là che usi tu, alla fine so proprio buone?”.

Cioè? Quali?

capsule, mal di schiena, no dol, Esi

E così ho scoperto che me le aveva abilmente sottratte, insieme alla Crema, e che se le è portate in ufficio per non dimenticare di assumerle perché aveva sempre mal di schiena.

Quindi, Birbamamme, se anche il Birbapapà che è scettico come pochi,  notoriamente non crede ai “prodotti palliativi” e tanto meno ai miei consigli, si è convinto dell’efficacia… Evidentemente i prodotti NO DOL funzionano.

Il segreto? Sarà il famoso “artiglio del diavolo” ? Che il diavolo si sa, ha poteri sovrannaturali?

Scherzi a parte, l’artiglio di cui sopra è un rimedio naturale usato da secoli in Africa, e una pianta originaria  l’Arpagofito (Harpagophytum procumbens) dagli effetti analgesici e antinfiammatori.

Molti studi scientifici hanno dimostrato che potrebbe sostituire gli antinfiammatori da banco, e quindi: perché no?

Ora vi starete chiedendo: tutto sto post per dirvi cosa?
Se siete come me sempre col mal di schiena, sapete quanto possa essere invalidante per una mamma, perciò due capsule preventive, male non fanno. Ma il consiglio è soprattutto: nascondetele adeguatamente, a casa mia, casa di “anziani”  sono andate a ruba come le caramelle!


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.