Coach

Un mental coach è un allenatore mentale.
Una persona che ti porta a esplorare le tue capacità cognitive e fisiche sino al raggiungimento dell’equilibrio perfetto di mente e corpo per permetterti di realizzare i tuoi obiettivi.

In pratica un mental coach è una di quelle persone che ogni mamma vorrebbe avere a disposizione appena sforna un pargolo per capire come diventare una brava mamma.

Io ne ho scovato uno che è uno dei massimi esperti nel settore. Si chiama Sandro Corapi coach, formatore e motivatore che grazie a un suo personale metodo, aiuta manager, dirigenti, liberi professionisti, sportivi, a raggiungere i propri obiettivi. E mi sono detta: perché non aiutare anche noi mamme? L’ho intervistato e…

Parlando con lui siamo partiti da… lontano.

wonderwoman

Sapete davvero quando si diventa mamme ad esempio?
“Il percorso da mamma inizia ancor prima del concepimento, nel momento stesso in cui decidi di dare vita a una creatura. Ed è  già da quel momento che devi imparare a prenderti cura di te stessa e del bambino che stai per generare perché tutto quello che passa da te, arriva a lui, già nella pancia. E questo ci porta al punto 1.

  1. La motivazione è regina delle decisioni: se hai un lavoro che non ti piace, sei stressata, triste, arrabbiata, allora forse dovresti cominciare a pensare di lasciare quel posto se non vuoi far nascere un figlio già frustrato pure lui. Prima ancora di preoccuparti se, con la gravidanza, rischi di perderlo, quel lavoro.
    Se invece  il tuo lavoro lo ami tantissimo e sei forte dei tuoi mezzi, tutto ti scivolerà addosso anche se dovessi perdere il lavoro con la gravidanza.
    Se questo dovesse succedere, dovrai cercare di guardare l’accaduto in maniera diversa, non solo cercare di non essere arrabbiata o negativa per evitare ripercussioni sul neonato ma anche vedere un’opportunità in ciò che è successo.
    Come? Eccoci al punto 2.
  2. Fatti delle domande: cosa ti gratifica? Cosa ti piace fare? Dove vuoi arrivare? Dai delle risposte a queste semplici domande e cerca di  trovare anche nelle piccole cose un motivo di gioia, ricordandoti che tutto quello che senti passa attraverso di te al tuo bambino. Prima, durante e dopo la gravidanza. Cerca di mantenere un atteggiamento propositivo. Cerca, in pratica, di essere felice.
    Ma come si fa a riconoscere ciò che fa felici?
  3. Per essere felice devi ascoltare la tua anima e darti obiettivi precisi, realistici, misurabili. Tira fuori la tua creatività, individua il tuo talento e le tue passioni e trasforma un ostacolo (come il licenziamento) in un’opportunità e avrai più motivazioni e le emozioni positive saranno maggiori di quelle negative. Non è mai troppo tardi per inseguire i sogni, basta trovare la forza per rimettersi in gioco, chiarirsi le idee e riorganizzarsi stabilendo regole ferree.  Cerca di razionalizzare e chiediti: cosa deriva da questa situazione? Ad esempio, avendo più tempo a disposizione potrai dedicarti a tuo figlio o scoprire un nuovo talento (la cucina, il fai da te, la scrittura)

Alla base di questo lavoro su se stessi, ci sono delle regole di buon vivere fondamentali perchè tutto passa dal nostro stato di salute fisica, compresa la salute mentale di nostro figlio. L’esempio più calzante è quello della mascherina d’ossigeno sull’aereo: avete presente il messaggio delle hostess?
In caso di bambini, ricordate di applicare prima la mascherina su voi stessi e poi ai bambini.
Traduzione: se tu non sei in grado di badare a te stessa, come puoi pensare di aiutare qualcun altro? Le nergie negative, anche se non esplicitate, arriveranno al bambino sempre.

wondwe mom

Le regole sono semplicissime:

  • Mangiare in modo sano
  • Fare sport
    L’ esercizio fisico, ad esempio, sviluppa dopamina e serotonina che sono responsabili del buonumore, anche un semplice allenamento quotidiano a casa ti servirà a ritrovare quella forma fisica che ti farà sentire di nuovo felice e in grado di affrontare nuove opportunità.
  • Dormire
    Facile a dirsi, con un neonato. Ma se il sonno scarseggia cercate di rimodulare i vostri ritmi tarandoli su quelli del neonato: dorme di giorno? Approfittatene anche voi.
  • Concedersi una vita sessuale appagante
    Anche il sesso (che se volete potete intendere come il famoso esercizio fisico di cui sopra) è parte fondamentale dello schema. Ah no?
  • Trovarsi un hobby
    Avere qualcosa che vi appassiona serve a spostare il focus e l’attenzione dai problemi.
  • Leggere e guardare cose positive
    Soprattutto prima di andare a dormire, guardate cose allegre che vi predispongano a un sonno sereno (evitate telegiornali e film dell’orrore, e anche di stare ore e ore davanti a pc e tablet!).Tutto questo non vi renderà resilienti immediatamente ma, vi assicuro, che con un po’ di allenamento, vi aiuterà a ritrovare fiducia in voi stesse e ripartire alla grande.

E se lo dice il coach…

 

 

 

 

 

 


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *