Utili&futili

Qualche domenica fa si è tenuto il mercatino delle mamme di cui tanto vi ho parlato su Facebook.

E perdonatemi se continuo a farlo ma volevo raccontarvi come è andata perché mi sembra carino nei confronti di chi ha fisicamente partecipato ma anche di chi c’era solo col pensiero e, soprattutto, di chi ha sopportato i miei ripetuti appelli su Facebook.

IMG_6850

Devo dire innanzitutto grazie.

Alla preziosa Federica, che mi ha aiutato nell’organizzazione, all’Isola Pepe Verde, questo bellissimo giardino condiviso che ci ha accolto meravigliosamente.
Poi alla mia amica Letizia di Riusa-mi  Riusa con amore, che mi ha fornito il supporto tecnico e tanti preziosi consigli.
Un grazie enorme anche a Valentina che si è offerta volontaria ed è stata tutto il giorno con noi gestendo il bar. Non so chi l’avrebbe fatto al posto suo, ma so che col suo sorriso ha sbancato e ci ha permesso di fare, alla fine della giornata una bella donazione all’ABIO l’Associazione per il Bambino in Ospedale che dal 1978 è al fianco dei bambini, degli adolescenti e dei loro genitori.

Tre anni fa, quando #IlRibelle è stato in terapia intensiva e  ho visto i volontari aiutare i piccoli pazienti, avevo fatto una promessa: aiutare in qualche modo quell’associazione, e questo è stato un primo, piccolo, passo.

Qui sotto vedete la nostra donazione.

bonifico_(Italia_e_SEPA)

Questo per spiegarvi anche lo spirito del mercatino.

La mia idea quando l’ho organizzato è stata infatti quella di aiutarci a liberarci tutte del superfluo di cui le nostre case sono piene, ma soprattutto, socializzare e fare del bene e… ci siamo riuscite.

Si è creato un gruppo di mamme, eterogeneo, che si è scambiato sorrisi e chiacchiere, numeri di telefono, ha fatto divertire i propri bimbi e, per un giorno, ha vissuto un’esperienza nuova.

Alle mie mamme venditrici va il mio abbraccio caloroso.

A Michela, mamma super cool col banchetto perfetto che sembrava quello delle migliori boutique del centro, dove tutto aveva una gradazione fantastica dal panna all’azzurro cielo. A Sacha, la mamma con gli occhi a mandorla che oltre a vendere i vestiti della sua bimba, vendeva quelli che realizza con le sue mani per le piccole modelle. A Monica, con i suoi gioielli e le sciarpe e alla sua amica….che ha pensato ai costumini per i piccoli, alla dolcissima Anna Lisa che abbiamo scoperto è anche una pittrice, alla affascinante e sempre sorridente Julie, mamma di due maschietti biondissimi di cui uno appeso perennemente al collo, che ha sbancato con tutti i libri in inglese. A Ilaria paziente e amorevole, con il banchetto pieno di cose particolari, a Geniva con i suoi tessuti africani…A Francesca, mamma di quello che è diventato la nostra mascotte, Martino, un bimbo di appena tre mesi che non ha mai, e sottolineo MAI pianto, alla sua amica Eleonora che crea gioiello sfiziosissimi, a Monica dagli occhi color del cielo e i suoi figli biondissimi, a Clelia, accompagnata da due bimbe che sembravano quelle delle pubblicità, che alla fine ha deciso di donare tutto ai bimbi profughi perché tanto doveva svuotare casa.mercatino1mercatino2

mercatino delle mamme

mercatino delle mamme

A proposito, lei non è stata la sola, e tutto quello che è stato lasciato, lo abbiamo donato a un’altra associazione: SOS BAMBINI ONLUS

Insomma, tante mamme, ognuna con una sua storia e con bimbi variopinti.

No, non ho sbagliato aggettivo, la nota più bella della giornata è stato conoscere anche famiglie capaci di donare amore a bimbi “colorati” adottati in Paesi lontani, oppure famiglie miste con genitori di altri Paesi che hanno dato vita a famiglie multietniche, insomma un poutpurri di razze e colori che mi ha riempito anche il cuore.

Devo dire grazie pubblicamente anche al BirbaPapà che non solo ha scaricato e caricato l’indicibile e spostato tavoli e montato appendiabiti, ma è anche tornato a casa e tenuto a bada #IlRibelle mentre io ero al mercatino. Grazie amour!

Ah, per chi se lo chiedesse, NO, non abbiamo guadagnato tanti soldi: nel pomeriggio è venuto giù il diluvio che ha spiazzato tutte…

pioggia, ombrello, bambine

ma credo che il cuore di ognuna di noi si sia riempito di qualche bella emozione in più (il mio sicuramente) ed è per questo che ho scritto questo post per ringraziare tutti. E poi magari a settembre replichiamo.

Nel frattempo sto pensando a una versione on the beach per le mie amiche mamme pugliesi….che ne pensate?
Io l’ho buttata lì…


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *