Utili&futili

Oggi è la festa della mamma. La mia festa della mamma numero 4.
Ed è emozione pura. Ieri all’asilo del #Ribelle abbiamo cantato e colorato un muro intero, insieme ad altre mamme, tutte insieme, un bel salto da quando i miei unici ritrovi femminili erano agli aperitivi con le amiche.
Avevo deciso di scrivere un post su quanto è bello essere mamma e bla bla bla. Un pippone come ne circolano altri mille. Ma anche no.Auguri-BirbaMamme!

Però oggi è anche il compleanno di BirbaMamme: questo blog compie 2 anni e questo traguardo mi rende ancora più felice.

Ho unito le due cose e ho pensato di spiegarvi ciò che è cambiato con una sola parola: GRATITUDINE.

Mia madre, quella santa donna, ancora oggi mi ripete che dire GRAZIE è fondamentale. Anche quando lo dai per scontato e non lo ripeti per pigrizia.
Io sono abbastanza cerimoniosa con le persone che non conosco, saluto e ringrazio sempre, però con i miei familiari o gli amici storici sono meno gentile. E sono una lamentona di natura, ho sempre un motivo per lamentarmi. Le mie amiche lo sanno che sono una lagna.

O forse ero.
Essere mamma mi ha fatto fare l’upgrade, una sorta di evoluzione del mio essere donna. E’ come se le mie percezioni si fossero amplificate. Sento molto di più il dolore, ma anche molto più la felicità. Mi commuovo per cose che prima mi erano indifferenti, mi indigno per cose che prima mi colpivano di striscio, come la salute del nostro pianeta o semplicemente l’inquinamento in città.

Ma soprattutto ho un nuovo sentimento che prima era sopito: la GRATITUDINE. Che non è solo dire grazie ma, ha dentro qualcosa in più.

GRAZIE

Ora sono grata, anche se in silenzio.
Ringrazio per ogni per ogni attimo ed ogni emozione che la vita mi permette di vivere.
Per avere un figlio sano e allegro, per i miei genitori, per le persone che mi stano attorno con affetto ma anche per un tramonto o un cielo stellato, per il lavoro, per un paio di scarpe nuove che mi posso comprare,  per gli amici, per una telefonata, un sms, per ogni respiro.
Essere madre mi ha cambiata perché ho imparato che, se ogni minuto che vivo su questa terra è un dono, ogni minuto condiviso con mio figlio è un dono immenso.
Ho cambiato la mia percezione dei rapporti umani, ho imparato a dare il giusto peso alle persone e alle situazioni, non troppo ma piano piano sarò brava. Mi incazzo ancora ma me la faccio passare prima.
E ho imparato a non dare nulla per scontato. Soprattutto i grazie che vorresti sentire e non arrivano.

Perciò oggi mi sento di dire grazie a tutti voi che leggete questo blog perché se sono arrivata a questo punto è merito anche vostro.
E vi invito a celebrarla così questa festa, con un semplice “Grazie!”

 

A tutte le mamme

a mia madre che è la donna meravigliosa che mi ha permesso di diventare ciò che sono ora,

ma soprattutto a voi che leggete BirbaMamme.

E per toglierci dall’impasse lacrimuccia, vi posto un po’ di video che ho trovato davvero carini che celebrano la festa della mamma. Che se proprio non vi vengono le parole, potete sempre ripostarli 🙂

Ora però ridiamo un po’….(questo è soprattutto per le BirbaMamme emigrate) 🙂

AUGURI!


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.