Fai da te

L’idea è di BirbaMamma Vale che ci propone dei portachiavi in panno lenci, perfetti per l’armadietto dei bimbi e ideali come gadget da regalare ai “mini” party.

Da quando sono diventata mamma ho riscoperto una passione che, complici gli anni di studio, il lavoro e il corri-corri milanese, avevo dimenticato. Non è la moda, non è lo sport, non è la fotografia ma il fai da te.
Il tempo ovviamente è tiranno e mi pento di non aver iniziato prima, anche perché partendo da zero, soprattutto nel cucito, ogni volta che dò vita a un progetto prima devo trovare tutorial, guardare video su youtube, capire quali materiali usare etc etc etc.
Detto ciò, vi propongo un’idea carina e abbastanza semplice che ho realizzato per il primo compleanno della mia monella e che abbiamo regalato come gadget a nonni e zii presenti.

Si tratta di semplici portachiavi di varie forme.
Partiamo da una coppia di gattini innamorati.

gatti portachiavi

Occorrente (foto 1)

–  Pochi cm di pannolenci di colori vari (io ho usato grigio, bianco, fucsia, rosso)

– un foglio di carta e una penna
– cotone da ricamo
– spugna da imbottitura (per esempio quella che trovate sul fondo di alcuni contenitori protettivi. Io l’ho riciclata dalle scatole delle cornici di argento collezionate al mio matrimonio) oppure semplicemente ovatta
– un anello portachiavi (li trovate in ferramenta, online ma anche nei supermercati)
– un ago, ovviamente, e qualche spillo.

gattini
Ecco come procedere:

1. Disegnate su un foglio di carta il vostro gattino e ritagliatene la sagoma (foto 2)
2. Fissate la sagoma sul pannolenci  del colore prescelto  piegato a metà, aiutandovi con uno spillo, e disegnatene il contorno (foto 3)

3. Ritagliate il pannolenci lungo il perimetro appena tracciato (foto 4). Avrete così ottenuto le due sagome in stoffa  (foto 5).

4. Sovrapponete le due sagome e iniziate a cucirle iniziando dalla testa (orecchio destro). Io ho utilizzato il punto festone perché con il pannolenci è il più gettonato. Vi allego il tutorial trovato su you tube a cui mi sono ispirata ma ce ne sono molti altri.

Potete usare un cotone chiaro per far risaltare di più il punto festone oppure (soprattutto se non vi sentite molto sicure) il cotone nero o grigio che vi permetterà di far passare inosservate eventuali imprecisioni.

gattini foto 2

5. Dopo aver iniziato a cucire le due sagome, ritagliate un pezzo di spugna (non è necessario riprodurre la forma del gattino); inseritelo in mezzo alle due sagome e continuate a cucire (foto 7).

6. Prima di tornare al punto di partenza (prima dell’orecchio sinistro), fermatevi, ritagliate una striscia di pannolenci e rifinitene il contorno col punto festone. La larghezza della striscia non deve essere più grande della distanza tra le due orecchie, che è il punto in cui la inseriremo (foto 9).

7. Piegate a metà la striscia, inserite le estremità nella testa del gattino e proseguite con il festone fino al punto di partenza. Ora non vi resta che inserire l’anello nella vostra fascetta e personalizzare il vostro gattino con un papillon, un cuoricino o un fiorellino…(foto 10 e 11).

P.S. Un paio di consigli: in genere io giro le sagome di pannolenci dal lato in cui non c’è il disegno, per evitare che si veda il tratto di penna (soprattutto se usate dei colori chiari). Infine, è sempre meglio partire con le idee ben chiare e cucire gli “accessori” all’inizio, prima di unire le due sagome.

Come al solito io me ne sono dimenticata e l’ho fatto alla fine.

Buon lavoro!


Lascia un commento con facebook