Futili

Oggi in scaletta avevo tutt’altro. Volevo postarvi cose più serie, ricette fantastiche e lavoretti fai da te. Poi da una mio post su Facebook è scaturita tutta una discussione: oggetto del contendere? Pierfrancesco Diliberto, in arte…PIF.

11046352934_e3a13afb82_z

E ho deciso di scrivervi questo post perché magari quello che state per leggere vi farà sorridere e perché, in fondo, ogni BirbaMamma può  innamorarsi come un’adolescente, a qualsiasi età… e di chi meno te lo aspetti!

Quando ero “ciovine” la mia classe al liceo si divideva tra le fan dei Duran Duran e quelle degli Spandau Ballet. Poi c’ero io. A me di questi qui, tutti quanti, non mi importava proprio.

E si che la musica mi piaceva. Ma non capivo come ci si potesse strappare i capelli per un cantante, tappezzare i muri della camera coi suoi poster  e sognare improbabili love story. Addrittura ci fu una tizia (Cinzia Gurrado anno 1985) che scrisse il famoso “bestseller” “Sposerò Simon Le Bon” ve lo ricordate?
Già. Allora c’era anche chi sbavava dietro a gente come Silvester Stallone in “Rambo” o Pierre Cosso ne “Il tempo delle Mele”… (delle deviate mentali, ovviamente visti i due eccessi).

Io al massimo mi innamoravo del barista sotto casa. Non avevo voglia di perder tempo per infatuazioni che non fossero, almeno potenzialmente, destinate a concretizzarsi. All’epoca, paradossalmente, ero un po’ più saggia… è crescendo che mi sono rovinata.

Tutto questo prima di innamorarmi follemente di Pif. E cioè a quarantanni suonati.
Anzi, a dire il vero ero più giovane quando c’è stata la nostra “prima volta” mia e di Pif intendo.

Ma ora vi spiego tutto e vi racconto perché a un certo punto smetti di innamorarti dei biondi cantanti o dei modelli prestanti e infisicati o del barista ammiccante e scegli uno come Pierfrancesco Diliberto (che col nome scritto per intero fa più chic) e,  visto la polemica che ho scatenato sulla mia pagina Facebook, a quanto pare non sono l’unica a perdere la testa per sto quarantenne palermitano. La concorrenza è assai!

pierfrancesco-diliberto-in-arte-pif

Ecco i miei 10 motivi per cui una si innamora di uno come Pif.

1) È intelligente ma non sembra.
Cioè lui non ha l’aria del classico saputello primo della classe. Nè dell’ìmpettito finto filosofo opinionista che va in tv a far vedere che lui ne sa. Lui è uno che se lo incontri in giro non gli dai due lire ma poi scopri che in ogni sillaba che dice c’è un riferimento storico, geografico politico (che la maggior parte di chi ascolta, ahimè, non coglie ma che è un evidente segnale della sua lungimiranza). E le donne, si sa, dopo la fase ormonale dei vent-trentanni, a quaranta guardano il cervello (sì, anche il portafoglio ma generalmente se c’è il primo, ci sta che qualche soldino lo si porti a casa).

2) È impacciato o sembra tale.
La prima volta che l’ho incontrato presentava un suo libro. Era già conosciuto per essere uno delle Iene ma a quella presentazione era emozionato come un bimbo, gli si leggeva negli occhi e nel sorriso impacciato che faceva venire voglia di dargli una pacca sulla spalla e dirgli “Eddai!!!”.
Quella sera perse tempo a chiacchierare con tutti i presenti singolarmente (tra cui la sottoscritta che in quel preciso istante gli donò il cuore, BirbaPapà perdonami). E a me i finti impacciati piacciono più dei convinti. A voi no?

pif-regista

3) È un figo inconsapevole.
No, figo non lo è. Ma è interessante. Ma non quell’interessante che in genere qualifica un cesso. Ma quell’interessante che equivale, per ogni donna dotata di neuroni, all’equazione “non ragiona solo col pisello per cui con questo posso farmi male”. Saranno il sorriso finto ebete o i capelli brizzolati ma il mix, come si dice dalle mie parti “fa sangue”. Lo ha capito anche la Tim che alle bellezze coscialunga e tette in fuori ha preferito la sua faccia e gli fa fare parti da deficiente che, evidentemente, tirano più del famoso pelo di f…

4) È simpatico
È uno dalla battuta pronta, di quelli che se fossero nella tua compagnia tu gli staresti sempre accanto solo perché ti fa sorridere e per farti accompagnare a casa senza paura di improbabili agguati

134415784-eb0ef5fc-d27c-4036-b302-e305109fc79a5) È appassionato
Le cose che fa le fa col cuore. Non a caso il suo film “La mafia uccide solo d’estate” è un capolavoro. È uno che non si perde in chiacchiere ma ci mette l’anima sempre. Basta guardare una puntata de “Il Testimone”. Quindi….se ne deduce che la stessa passione la impieghi anche nelle ore serali….

6) È discreto.
Cioè, io lo so che è fidanzato con Giulia Innocenzi ma lo so perché mi sono andata a informare e non perché lo abbia letto su mille tabloid. Anzi a dire il vero lo so perché le mie colleghe giornaliste del gossip hanno tenuto a farmi presente che la signorina Innocenzi è molto gelosa. -E cara mia, fai bene ad esserlo!- Comunque, il fatto che lui parli poco o niente della sua vita privata depone sicuramente a suo favore. Sappiate che è per questo che non saprete mai che io e lui abbiamo una tresca 🙂

sul-divano

7) È siculo
Ok ok sono deviata ma, provate a fare questo gioco se avete delle amiche che hanno avuto a che fare con fidanzati/amanti/mariti/siculi. Tre su quattro alla domanda “Come è a letto?” sorrideranno come delle cretine. È semplice calcolo statistico ma non credo sia Pif l’eccezione. Non aggiungo altro.

8) Si fa chiamare Pif
 Non Pierfrancesco Diliberto che di per sé è già bell’impegnativo. Ma Pif come un qualsiasi animaletto di peluche. Voi non lo chiamereste Pif un orsetto? Un gattino? Un cucciolo da adottare… per tutta la vita?

9) Risponde ai messaggi
A dire il vero non so se la sua pagina Facebook la gestisca lui personalmente o una stagista sottopagata che sta h24 attaccata al pc e risponde ai suoi fan, sta di fatto che io gli ho scritto e lui mi ha risposto il che è in linea con il suo “personaggio” coerente e umile. Il mondo è pieno di uomini che ti dicono “ci sentiamo” e spariscono nel nulla, vuoi non amare uno che nemmeno sa chi sei e ti risponde appena gli scrivi???

Il testimone VIP

10) Ha una voce da cartone animato
Di solito questo va a svantaggio degli uomini, alle donne piacciono i toni da cavernicolo ma…a quarantanni cominci a pensare a come sarebbe quella vocina quando fa cucccicuccimiaumiau al bebè che vorresti avere e sai che sia tu che il neonato ne sarete follemente ipnotizzati. Son cose!

Ps. Pif, io un figlio ce l’ho già, e ha anche un padre per cui, diciamo che faccio la brava e mi rassegno. Quest’ultimo motivo consideralo un augurio per te e per la tua vita privata. Giuliaaaa, vai tranqui, è tutto tuo.

 

 

 


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.