Utili&futili

Un giorno mi ha chiamato Barbara. Io e lei ci siamo conosciute qualche anno fa per lavoro ma poi non ci siamo più viste. Eppure lei, come Giorgia, la sua “complice”, è una di quelle persone che incontri nella vita per caso, lavoro, affari, affetti, una di quelle che ti entrano dentro. E lì rimangono. E non c’è distanza o tempo che conti. Ci sarà sempre per loro un posto nei tuoi ricordi. E sono quelle persone che anche se non le vedi e non le senti per anni, quando le chiami o le rivedi non hai bisogno di parole. Ci sono. C’è quell’empatia del primo istante.

E niente, Barbara un giorno mi ha telefonato e mi ha detto che voleva la mia storia per il suo nuovo portale DiLei. Un portale super seguito mica un blogghettino del piffero. Attimo di panico. Io intervistata? E che storia avrò mai, cosa avrò fatto di così speciale?.

Ha insistito. Lei voleva me per la rubrica #dileicipiace, e voleva raccontare BirbaMamme. Perché lei sa come è nato,  e la passione che ho messo in questo progetto e l’amore per questo blog. E poi mi ha invitata alla presentazione del nuovo portale.

Così, nonostante avessi passato gli ultimi due giorni a letto a contorcermi dai dolori causa intossicazione alimentare  alla fine mi sono tirata su, restaurata, ho mollato il Ribelle alla nonna e sono andata all’evento.

E così sono riuscita a salutare lei e Giorgia alle quali avevo anche estorto la promessa che mi avrebbero fatto fare una foto con Selvaggia Lucarelli, protagonista della serata. Volevo un selfie con una delle donne più irriverenti e simpatiche del web che a me fa impazzire.

E sapete come è andata a finire? Che non solo ho salutato dopo anni le mie amiche Barbara e Giorgia, non solo ho conosciuto Selvaggia che ha anche accettato di fare il saluto alle BirbaMamme, ma mi sono ritrovata protagonista della presentazione perché sono stata scelta per le storie che piacciono a DiLEI.

L’intervista se siete curiose, la trovate su DiLei nella sezione CiPIACE .

Emozione, commozione, e il cuore che faceva i saltelli. E poi che vi devo dire?

Mentre Selvaggia Lucarelli spiegava il motivo del suo successo col pubblico femminile, ossia il fatto che probabilmente alle donne piace che lei sia una che dice la verità, non fa finta di essere super nascondendo le sfighe, è una senza mezze misure che o la ami o la odi, e un po’ scassamaroni ho capito che in fondo io la adoro perché mi ci ritrovo (soprattutto nell’ultimo punto!) E che forse alla domanda c’è un modello di mamma a cui ti ispiri, ora saprei come rispondere. Selvaggia era lì con suo figlio Leon, è una donna bella, simpatica, ironica e molto disponibile (o almeno con me lo è stata) e a qualcuno sta anche decisamente antipatica(che non guasta mai). Ma soprattutto è una mamma. Molto Birba. Altro?

Barbara, Giorgia scusate potete correggere l’intervista?

E ora su, peppeppereppepè….posso fare la mia danza della gioia e gonfiarmi le piume per essere stata scelta da DiLei?

Applausi please.

NB. Guardate chi c’è tra gli esperti del portale? La nostra bravissima coach  personal stylist Rossella Migliaccio, ah no????

PS. Grazie a a voi che mi leggete… Siamo tutte BirbaMamme! 


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.