Coach

Avete ricevuto un invito a una comunione o a un battesimo e non sapete come vestirvi? Niente paura: la nostra fashion coach, la consulente d’immagine Rossella Migliaccio ha creato un decalogo di consigli per non sbagliare outfit.

      1. Indossate un abito.

        Il vestito intero è sempre una scelta azzeccata, anche perché risulta più elegante e formale.
        Se avete un corpo tutto curve con un punto vita ben definito, provate i modelli incrociati o a portafoglio.

        dress wrap

         

        Se viceversa avete una silhouette abbastanza rettangolare e volete creare un effetto clessidra, seguite il trend del momento: il color block è magia pura, provare per credere!In ogni caso l’abito meglio al ginocchio: trattandosi di una cerimonia di giorno, il lungo risulta del tutto fuori luogo.

Color bloc outfit

 

    • 2.Scegliete un completo

      Una bella alternativa può essere un tailleur giacca e pantaloni.
      Ricordate la regola: giacca più lunga con pantaloni a sigaretta o alla caviglia; giacchina corta con pantaloni bootcut (leggermente svasati al fondo) oppure a palazzo.
      sbrio

    • 3.Coprispalle

      Evitate, per favore, la stola o lo scialle: fanno tanto “zia”…
      Preferite piuttosto una giacca o un foulard annodato in modo particolare. Se l’abito o il top hanno la manica che copre spalle e omero, potete anche farne a meno.

    • 4.Scarpe

      A meno che non si tratti di una cerimonia molto formale (a palazzo reale o in Vaticano per intenderci), direi che la scarpa aperta va benissimo. Anche in considerazione del caldo africano che ci aspetta. Quanto al tacco un po’ di buon senso: scegliete quello che riuscite a portare con più naturalezza; prestate attenzione al comfort; ma non dimenticate lo stile.
      Tradotto: comode si, ma non in ballerine…

    • 5.Borsa

      Trattandosi di una cerimonia, escluderei borse grandi da giorno e shopper portatutto. Da evitare anche mini clutch e pochette glitterate da sera.
      Una bella borsa formale di dimensioni medie e’ l’ideale.
      Un riferimento da sogno? La Kelly di Hermes

    • 6.Cappello

      In Inghilterra ogni occasione e’ buona per sfoggiarne di meravigliosi.Qui in Italia sta prendendo piede questa usanza per i matrimoni. Ma per le comunioni  o i battesimi mi sembra francamente un po’ troppo.

    • 7.Gioielli

      Anche se stiamo partecipando ad una cerimonia, bisogna ricordare che entro le ore 12.00 i gioielli vanno portati con molta moderazione.
      Bene quindi un bel pezzo importante, ma dosate con cura la quantita’ di preziosi da indossare.

    • 8.Capelli

      Il raccolto e’ sempre una scelta raffinata, non si sbaglia mai.
      Quando parlo di capelli raccolti mi riferisco agli evergreen: chignon e banana.
      Semaforo rosso invece, per impalcature improbabili e boccoli alla Maria Antonietta: oltre ad essere stucchevoli e fuori moda, rischiano di farvi apparire più grandi di età.

hair bun

 

 

  • 9.Trucco

    Scegliete il trucco che vi valorizza di più e vi fa sentire a vostro agio.
    Ricordate che di giorno il makeup va dosato cercando di evitare il trucco esagerato su occhi e labbra anche per le alte temperature:  possono giocare brutti scherzi.

  • 10.Colori e fantasie

    Per i colori abbiamo meno limiti rispetto ai matrimoni. Resta pero’ sconsigliato il nero: e’ una festa, non un funerale.
    E poi il vestito nero in pieno giorno d’estate non è proprio la scelta migliore.
    Se non potete rinunciare all’effetto snellente del nero, sostituitelo con altri colori scuri: verde petrolio, verde foresta, blu navy, ottanio, bordeaux, …
    Anche le fantasie vanno benissimo: ricordate solo che più sono grandi e meno sono formali.

 

 

Avete ancora qualche dubbio? Leggete l’articolo dell’anno scorso sempre su come vestirsi a una comunione.

E se invece dovete vestire i BirbaMarmocchi, qui troverete qualche dritta.


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.