Coach

L’argomento è di quelli per cui di solito si dice : “A me non succederà”, “Ma figurati” e quando capita si fa finta di non aver capito la domanda dell’amica deviando il discorso sul nuovo biberon appena comprato abbinato all’imbottitura della carrozzina.

Ma il calo del desiderio dopo il parto è fisiologico. Umano. Normale.

A pensarci bene in certi casi, se hai avuto il cesareo o un episiotomia, ringrazi il cielo di avere una scusa plausibile che mette fine a ogni successiva richiesta.

Ok, vengo al dunque, la domanda imbarazzante è la seguente: dopo quanto tempo avete ripreso a fare sesso dopo il parto?
No perché, se è vero che è normale che subito dopo il parto l’ultima cosa a cui pensi e tornare a usare la porta d’uscita scelta da tuo figlio per venire al mondo, la faccenda si fa complicata quando il tempo passa e la voglia non torna.
Tu sei lì che ti senti asessuata e le amiche ti dicono che no, non è normale, che il bimbo non è il solo centro della tua vita.
Il compagno merita attenzioni, guarda che poi va con un’altra. Ma non ti dispiace?

coppia

Insomma, sapete come succede no? Lui fa il pressing, le amiche ti invitano a non mollare che il mondo è pieno di agguerrite ciucciamariti, e allora… ecco l’unica che poteva spiegarci come funziona senza falsi moralismi è una sessuologa.
E allora per un attimo basta con ironia e doppi sensi, ecco le risposte serie dell’esperta, la sessuologa e psicoterapeuta Barbara Florenzano.

Perchè molte coppie si allontanano dopo la nascita di un figlio?
«Il concepimento e la nascita di un figlio rappresentano un momento complesso, nel senso di “composto da più parti” e anche, in alcuni casi, complicato, difficile da affrontare – spiega la psicoterapeuta e sessuologa Barbara Florenzano – Le energie fisiche ed emotive, in special modo della madre, sono tutte assorbite dal nuovo arrivato, la coppia diventa famiglia, il ruolo di partner deve necessariamente riassestarsi su quello di coniuge/genitore, cambiano i ritmi di vita, si modifica la lista delle priorità sia logistiche che relative ai “valori”, a quello che nella vita conta prima di ogni altra cosa… E per tutti questi motivi le neo mamme sono perennemente stanche! Inoltre va considerato un dato biologico: la prolattina alta, necessaria per la produzione di latte materno, tendenzialmente fa calare il desiderio sessuale. La donna deve fare i conti anche con i cambiamenti fisici dovuti alla gravidanza e al parto. Può succedere non si piaccia più e faccia fatica a concedersi anche per questo. Se poi il parto è stato naturale (con conseguenti punti di sutura), la donna è bene non abbia rapporti sessuali per circa un mese»
Come ricostruire allora un’intimità che negli ultimi mesi della gravidanza si è persa?
«Ci sono coppie, rare per la verità, che ricominciano a fare l’amore serenamente e senza grandi difficoltà.
Per le altre la “ricostruzione” dell’intimità dipende da qual è la maggiore difficoltà affrontata. Ad esempio per molte donne è difficile riacquistare fiducia e sicurezza nel proprio corpo; in questo caso la soluzione migliore è prevenire: fare ginnastica prima, preparare la pelle così che sia il più elastica possibile. Ma anche fare attività fisica dopo il parto aiuta mente e corpo. E poi è importante prendersi un po’ di tempo per curare il proprio aspetto, tornare ad indossare abiti che non siano pre-maman, ma che valorizzino il nostro “nuovo” corpo».Ma la ricostruzione dell’intimità è legata a doppio filo anche con un altro aspetto da non sottovalutare: riuscire a trovare dei momenti per la coppia, pur avendo un bambino a cui badare.

in-tre-nel-lettone
Personalmente – continua la dott.ssa Florenzano – sono contraria a dare ai bambini l’abitudine di dormire con i genitori ed incoraggio le coppie a ricorrere a parenti o baby sitter per prendersi del tempo per stare fuori casa: una cena fuori, un cinema, una serata con gli amici…sembrano poca cosa, ma spesso un semplice svago in due, anziché in tre, è sufficiente per staccare la spina e ricaricare le pile.
Il problema è che ultimamente, poichè i figli si fanno tardi, molte coppie hanno difficoltà ad averne e quando nascono vengono trattati come statuine di cristallo, adorati fuori misura. Questo fa male sia ai figli che non fanno le esperienze frustranti necessarie ad una crescita sana, sia ai genitori che si annullano come coppia».

Come tornare ad avere un’intimità sana, senza tensioni o preoccupazioni?
«Probabilmente già solo conoscere il ruolo della prolattina tranquillizzerebbe molti uomini: non piace a nessuno sentirsi non-desiderati, sapere che il calo della libido di lei dipende anche (in alcuni casi soprattutto) da un ormone, potrebbe confortarli. Gli uomini dovrebbero poi fare un certo sforzo empatico, provando a mettersi nei panni della neo mamma, magari sostituendola completamente anche per uno solo giorno.

housewife-househusband

Questo gesto solleverebbe la mamma da un po’ di fatica e li unirebbe nell’esperienza della genitorialità. Se poi il senso di frustrazione dovesse sopraffarli allora il consiglio è: trattatela come se vi conosceste da pochi giorni, il corteggiamento ha più possibilità di riuscita di un approccio diretto e pretenzioso. Rassicuratela sulla sua (conservata se non addirittura accresciuta) bellezza e capacità seduttiva, le mamme brillano spesso di una luce speciale. Alcune donne fanno fatica ad integrare il ruolo di mamma con quello preesistente di donna ed amante,  i complimenti e l’atteggiamento adulatorio di lui le incoraggerebbe a nutrire e coltivare la propria parte erotica che già c’è, ma che è solo un po’ sopita. Dedicatevi con ancora più amore ed attenzione ai preliminari. Una donna che si sente sessualmente fiacca ha ancora più bisogno di essere “scaldata” con gradualità. Quindi bagni caldi, massaggi, carezze, baci (spesso nel rapporto, sessuale e non, si perde l’abitudine di baciarsi), ecc.

fiona-shrek+(10)

Quindi, concludo, care BirbaMamme: anche se al momento vi sembra di avere l’attività sessuale di un bradipo in vacanza, tranquille, poi lo stress da neo mamma passa, i chili spariscono, i punti si riassorbono e il desiderio torna. Eccome se torna. Lo dice pure l’esperta.


Lascia un commento con facebook


1 commento


  • 2015-12-05 00:04:42

    Giulia scrive:

    Ansiaaaaaaa. Però ti adoro birba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.