Coach

E siamo al consiglio numero tre della nostra coach Viviana Ghizzardi.

Create la vostra home spa.

«Fino adesso abbiamo parlato di rimettersi in forma con una particolare valenza di tipo estetico ma lasciatemi spendere due parole sulle questioni di tipo funzionale. È un argomento che mi interessa particolarmente perché durante la mia vita lavorativa vedo sempre più donne che si lasciano andare dopo il parto, con la  neanche tanto banale scusa di non avere tempo, e che si ritrovano poi, in un secondo tempo, con grosse problematiche posturali e mal di schiena veramente importanti.

Vi sottolineo che spesso le questioni funzionali, quelle che riguardano la postura, hanno una diretta relazione con l’aspetto estetico del nostro corpo: se gli addominali fanno il loro mestiere non solo proteggono la colonna, ma fanno anche qualcosa di gradevole per la linea della nostra pancia.

Come fare per togliersi dalla schiena e dalle braccia la tensione accumulata in un’intera giornata di piccole belve sollevate/spostate/ recuperate al volo?
L’ideale sarebbe avere ogni giorno un bel massaggio, che ci sgonfi le gambe, dopo essere state in piedi tutto il giorno, che ci rimetta in sesto la schiena e che ci riempia di nuove energie se abbiamo passato la notte ( o le notti!) in bianco. Ma a meno che non possiate assumere a tempo pieno un massaggiatore, meglio che impariate a fare da sole. Vi suggerisco un  esercizio utilissimo, che richiede poco sforzo ma produce grandi benefici.

Regola numero quattro_-2

Compratevi delle palline da tennis non troppo dure. Melgio ancora, delle Spiky ball, delle palline con le punte che trovate anche su Amazon) e se proprio volete fare una cosa goduriosa al cento percento anche un materassino  e la vostra mini spa sarà praticamente allestita.
Con le palline, soprattutto quelle con le punte massaggiate con movimenti circolari le piante dei piedi, e poi fatele rotolare su caviglie e polpacci.

Bastano dieci minuti al giorno distese sul materassino per acupressione per sciogliere le comuni tensioni che giorno per giorno si accumulano nei muscoli della schiena e delle spalle.

All’inizio vi sembrerà di essere dei piccoli fachiri ma dopo un paio di minuti la schiena comincerà a scaldarsi per la riattivazione della circolazione e la sensazione sarà meravigliosa.
Sugli stessi materassini vi potete anche sedere in modo da far questo lavoro di riattivazione della circolazione e rilassamento della muscolatura anche sui glutei.

Non avete tempo per stendervi a terra sul tappetino?

Fatelo contro lo schienale del divano in quei cinque minuti di tregua che riuscite a concedervi e appoggiatevici.
Le palline da tennis possono essere utilizzate sia per massaggiare la pianta dei piedi sia per la schiena. Quando lavorate la pianta dei piedi potete stare sedute o anche in piedi e eseguire dei movimenti circolari abbinati alla pressione o semplicemente delle pressioni del piede sulla pallina come se steste gonfiando un materassino al mare.

Questi due movimenti sono fantastici perché rilassano la muscolatura del piede, danno sollievo a tutto il comparto osseo (che già noi abbiamo messo a dura prova con i tacchi e che lo spostamento del carico e l’aumento del peso hanno messo ancor più a dura prova durante la gravidanza). Inoltre questo lavoro riattiva la circolazione nella parte bassa delle gambe e sgonfia le caviglie.

Per massaggiare la schiena con le palline invece basta appoggiarle terra e stenderci sopra. Il sistema più facile è posizionare la pallina esattamente all’altezza del pezzo di schiena che ci fa male e adagiarcisi sopra.

L’unica avvertenza è di non mettere le palline esattamente sulla linea mediana della schiena, proprio sulla colonna vertebrale, per evitare di creare micro fratture alle vertebre».

Leggi anche:

Consiglio numero uno: cammina tanto

Consiglio numero due: esercizio poco ma buono

Consiglio numero quattro: vai in piscina col pupo

Consiglio numero cinque:sii realista


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *