Coach

La scorsa estate, nonostante il Ribelle avesse già compiuto un anno e più, l’odiosa pancetta post parto continuava a far bella mostra di sè.
Vero è che io non ho mai nemmeno pensato a fare addominali seriamente perché speravo nel miracolo (non ridete) e nelle profezie della amiche per la serie «Vedrai appena il pupo comincia a camminare come dimagrisci in fretta!» .

Si, proprio.  Nessuna magia. Così st’estate mi ero inventata che andava di moda la pancia “sblusata” e la esibivo (quasi) con orgoglio.

Fino a che una tizia una sera non mi ha detto «Ma aspetti già il secondo?» e non si riferiva a una portata al ristorante.

Avete presente lampi di fuoco, fulmini, saette? Ecco devo averla incenerita per nascondere l’imbarazzo, tanto che poveretta dopo la gaffe non ha proferito sillaba, ma io ho seriamente pensato a un intervento di addominoplastica immediato. L’indomani. Poi la pigrizia ancora una volta ha vinto e ho continuato a far finta di avere la colite, aver mangiato pesante, e no è il vestito, etc.

Palle. La pancia c’era e c’è.

Tornati a Milano, un giorno mentre ero all’asilo,  la mamma di un compagniuccio del Ribelle che sembrava davvero incinta fortunatamente tra una chiacchiera e l’altra, prima che potessi fare a mia volta la gaffe del secolo, mi dice «… E poi mi chiedono ancora se sono incinta!»

Ecco, anche lei problema pancia.

E allora ho chiesto alla nostra super coach, la consulente di immagine Rossella Migliaccio cosa fare per nasconderla visto che al momento tempo, denaro e forza fisica per iscrivermi a un corso di addominali intensivi in palestra non ce l’ho. Io no.

«La pancetta e’ uno dei regali post maternità di cui si farebbe volentieri a meno» dice Rossella, «Anche la più magra, anche la più attenta, anche la più sportiva dopo il parto deve  fare i conti con un rigonfiamento addominale duro a morire! Ma con questi 10 consigli/trucchetti per evitare di evidenziarla, vi aiuterò, se non a farla sparire, almeno a dissimularla abilmente»

Ecco il decalogo:

1. Per minimizzare l’addome, ma in generale la parte superiore del corpo, scegliete i tagli di sbieco e le linee diagonali: hanno un incredibile effetto ottico snellente.

asimmetrie

2. Quanto agli abiti, preferite quelli contenitivi. Attenzione: ho detto contenitivi  non attillati sui rotolini… In generale i tessuti devono essere scivolati e leggeri, non rigidi che ci infagottano.

Ps. Christies Lingerie ad esempio ha realizzato un’intera linea di abiti shaping molto sexy, che controllano le forme senza segnare!

dress

 

3. Bene cardigan e giacche lunghe portate aperte. L’ideale e’ usare colori scuri sotto e colori più vivaci sopra: e’ una tecnica che si chiama colour block. Di solito facciamo sempre il contrario, chissa’ perche’!

okblazer

 

4. Da evitare le spalline e tutti i dettagli che conferiscono volume alla parte superiore del corpo. Non dimentichiamo che spesso la pancetta si accompagna a taglie di reggiseno extralarge. Non abbiamo bisogno di aggiungere altro volume al torace.

5. Le gonne avranno linee morbide e tessuti fluidi. Come modelli bene quelle svasate, ad A, a pieghe o a portafoglio. I pantaloni invece saranno con le pence e mai con elastico in vita.

gonne

6. Le cinture andranno morbide e sotto la giacca, non ad enfatizzare il punto vita. E’ importante la scelta della fibbia: quanto più e’ appariscente, tanto più fara’ da focal point sull’area che vogliamo minimizzare.

7. Collane, sciarpe e foulard vanno portate lunghe, per sfinare il busto e dare un senso di verticalita’ che slanci la figura.collane-lunghe

 

8. Meglio la tinta unita; a seguire i piccoli motivi; no a tartan e grosse fantasie dal potere “dilatante”.

9. Il taglio o l’orlo degli abiti non deve finire sulla parte piu’ larga dell’addome, perche’ la metterebbe in evidenza. Drappeggi e tagli andranno appena sopra per minimizzare o appena sotto per dare un senso di continuita’.

10. Da non sottovalutare un buon abbigliamento intimo. Un tempo non si aveva scelta: o i mutandoni contenitivi color carne o striminziti completini per modelle anoressiche. Oggi finalmente i marchi di lingerie offrono linee comode dall’effetto shaping, senza rinunciare a pizzi, fantasie e sensualita’.

 

Guardate qui una selezione di capi shaping da comprare on line con un click (basta cliccare sulle fotine in basso) e indossare senza sembrare Bridget Jones:

under control

 


Yummie Tummie black vest
€54 – yoox.com

Sottoveste Shaping
intimissimi.com

By Malene Birger clothing
€140 – net-a-porter.com

Tight
lindex.com

Dress
wolfordshop.it

GUAINA
cotonella.com

Basic Collection
yamamay.com

 

Se volete conoscere meglio la nostra coach, ecco il suo sito www.rm-style.com

Mentre le più volenterose, possono sempre provare con la fatica fisica: qui trovate i consigli di un’atra nostra esperta, per tonificare l’addome.

 


Lascia un commento con facebook


Rispondi