Coach

Dopo il mio post sui cosmetici a base di cocco, ho deciso di chiedere maggiori info alla nostra esperta naturopata Sonia Cabiaglia che è sempre una certezza e, guardate un po’ cosa ho scoperto:

L’olio di cocco è molto utilizzato nella tradizione orientale, sia per il corpo che per la cucina.

  • E’ ricco di antiossidanti e relativamente poco calorico contiene infatti grassi a catena corta, facili da essere bruciati per produrre energia, e non si accumulano nelle cellule, quindi non crea problemi di aumento del peso.
  • E’ consigliato perciò nelle diete perché favorisce il senso di sazietà e aiuta ad attivare il metabolismo e l’assorbimento delle vitamine liposolubili di omega 3 ed omega 6 dai cibi che ne sono ricchi (semi di lino, canapa, microalghe, ecc.).
  • Ha notevoli proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e antifungine, contiene acido caprilico che contrasta la candida.
  • L’olio di cocco ha anche un’azione sull’equilibrio ormonale nelle donne, regolando tiroide e surreni e ha effetti benefici sul testosterone per gli uomini diminuendo l’incidenza del tumore alla prostata. 
  • Può essere usato come struccante
  • Si usa per combattere la psoriasi
  • Si può applicare sulle contusioni per ridurre gonfiore e arrossamento.
  • Elimina la crosta lattea: ne basta un cucchiaino da strofinare sulla testa dei neonati.
  • Serve a eliminare i resti della gomma da masticare nei capelli: strofinatee un po’ di olio di cocco sopra la gomma da masticare, lasciate agire per circa 30 minuti, poi rotolare la gomma tra la punta delle dita.

noce di cocco

  • In ayurveda si usa per fare il Gandusa, la pratica dell’Oil Pulling:
    al mattino si prende un cucchiaio di olio di cocco e lo si tiene in bocca facendo gargarismi per qualche minuto, nutrendo bene la bocca, al termine l’olio va sputato.
    Questa pratica ha un’azione di profonda pulizia del cavo orale, previene carie, infiammazioni e raffreddamenti di bocca e gola. 
  • Si può usare come protezione solare con effetto blando in quanto protegge dal 30% dei raggi UVA, ma aiuta a sintetizzare meglio la vitamina D.
  • In India è l’olio privilegiato per il massaggio ai capelli in quanto li nutre e purifica il cuoio capelluto, oltre a combattere la forfora.
    Nel sud est asiatico è l’olio più comune utilizzato per fare i massaggi al corpo. Attenzione perché alle nostre temperature invernali si solidifica ed ha più un effetto di burro.
  • L’olio di cocco è ottimo in cottura perché molto stabile quindi può essere usato come base in numerosi preparazioni anche in sostituzione dell’olio extravergine di oliva in cottura.

 

Vabbè, dopo tutte queste info  credo che convertirò mio fratello a espiantare gli ulivi a favore delle palme…


Lascia un commento con facebook


Rispondi