Utili&futili

Gentilezza.
Una parola ormai obsoleta in questo mondo che corre e non guarda in faccia nessuno, eppure tra le tante celebrazioni inutili oggi il calendario riporta: “Giornata Mondiale della Gentilezza” e io la data me la sono segnata in rosso.
Tanto per iniziare vi riporto il significato della parola, che è sempre bene rinfrescarsi la memoria su certe cose.
L’enciclopedia Treccani dice:

Gentilézza s. f. [der. di gentile]

1. ant. Nobiltà, sia ereditaria sia (secondo l’interpretazione degli stilnovisti) acquisita con l’esercizio della virtù e con l’elevatezza dei sentimenti: prende amore in g. loco (Guinizzelli). 2. a. La qualità propria di chi è gentile, nei varî sign. dell’aggettivo: g. d’aspetto, g. di modi; e in senso morale: g. d’animo, di costumi, di sentimenti. Più com., amabilità, garbo, cortesia nel trattare con altri…

margherita, fiore, gentilezza

Soffermiamoci sul punto 2. Modi e aspetto gentili. E chi è quello gentile?

GENTILE:

…b. Di persona che, nel trattare con altri, ha modi garbati, affabili, cortesi: è g. con tutti; sii g., accompagna la signora; sei stato poco g. a fargli quell’osservazione; troppo g.!, espressione intesa a ringraziare chi ci loda o ci fa cosa gradita, ma spesso anche a rifiutare profferte insistenti o moleste. Analogam., di tutto ciò che rivela cortesia, delicatezza e sim.: modi, maniere g.; atto g.; invito, accoglienza g.; rivolgere g. parole; è stato un pensiero g.; opporre un g. rifiuto, rifiutare cortesemente, scusandosi con garbo; fare, usare g. violenza, insistere con preghiere perché altri accondiscenda a un invito, a una richiesta.

Non voglio farvi una lezione di italiano, sia chiaro, ma ricordare a noi tutte quanto i gesti, ancor prima delle parole, possano far la differenza.
Vi capita mai di sorridere agli sconosciuti? Di aprire la porta a una donna e farla passare per prima? Di accompagnare un vecchietto ad attraversare la strada? Di aiutare qualcuno a portare la valigia su per le scale? Raccogliere un oggetto da terra, perso da qualcuno… Di cedere il posto sul tram o sulla metro? O semplicemente vi capita mai di dire grazie, prego, buongiorno e buonasera senza che conosciate l’interlocutore?
A me capita raramente anche perché le persone non si guardano mai in faccia, siamo tutti chini sui nostri schermi di smartphone e tablet che non ci accorgiamo di ciò che succede intorno.
E invece basta così poco, basterebbe, davvero, iniziare a sorridere.

E’ un esercizio contagioso. Provateci mentre salite sull’autobus, andate al bar, alla macchinetta del caffè. Sorridete anche a chi non conoscete.

sorriso, giraffa
All’inizio vi guarderanno come alieni… ma poi vedrete, anche i più ostinati ricambieranno.
Quando sono arrivata a Milano il portinaio del mio palazzo aveva la pessima abitudine di non salutare mai. Non mi guardava nemmeno in faccia eppure poteva descrivere per filo e per segno gli orari della mia giornata e , secondo me, pure il colore delle mie mutande.
E’ stata una sfida la mia.
Ogni sacrosanta volta che gli passavo davanti salutavo col sorriso e a gran voce: “Buongiorno!”
E’ bastata una settimana e timidamente ha iniziato a sollevare il capo ogni volta che uscivo e poi vedendo che io ero ostinata ha iniziato a salutare anche lui.
Il giorno che ho cambiato casa e lasciato il palazzo mi ha abbracciato e pianto, manco fossi sua figlia.
É un esempio banale, lo so, ma se tutti ci allenassimo a essere più “gentili” e predisposti verso gli altri, forse anche i lunedì come questo sarebbero meno pesanti.

E poi vi svelo un trucco…

Se state pensando che oggi è una giornata pesantissima e vorreste tanto urlare, picchiare il capo, seppellire la collega, mollare il marito,  sappiate che anche mandare a quel paese qualcuno, col sorriso, dà più soddisfazione.

Non ci credete? Provate: sfoggiate il vostro più bel sorriso e mormorate tra i denti scandendo bene…«’Fanc…». Loro non capiranno ma voi vi sentirete subito meglio e più gentili con voi stesse. Come si dice…:l’importante è farlo con garbo.

Visto che funziona?
Buona giornata della “Birba” gentilezza a tutti!


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *