Beauty

Tutto è iniziato il giorno del compleanno de #Ilribelle.

O meglio la notte prima. Quella in cui io mi sono sentita male. Ma male per davvero.

Ho avuto un tale mal di testa e di pancia che non riuscivo a dormire, dolori così forti che avevo i conati di vomito. Sono stata così male da mettermi a piangere come una bambina davanti a mia mamma (tanto che ho dovuto rimandare i festeggiamenti del compleanno de #ilRibelle, e vi ho detto tutto). Il motivo non lo so ancora, forse un’intossicazione alimentare, forse avevo mangiato qualcosa contenente glutine o lattosio a mia insaputa.

Fatto sta che dopo l’esperienza ho promesso di prendermi cura di me iniziando dalle “pulizie di primavera” per eliminare un po’ di tossine e schifezze varie dall’organismo, da dentro e non solo esternamente con maschere, scrub, creme “detox”.

detox, sacchetto, svuota, mente, aloe

Ma non essendo molto costante, e tanto mena brava nelle pulizie (di casa e dell’organismo) per raggiungere l’obiettivo dovevo trovare qualcosa di facile, rapido ed efficace, magari da bere, che mi aiutasse nell’intento.
Ho provato a farmi i miei centrifugati con l’estrattore abbondando con zenzero, ananas e cetriolo ma non è servito a molto.

Poi un’amica che è fissata con le cose naturali mi ha detto: perché non prendi l’aloe?
E io che l’aloe l’ho sempre usata solo come lenitivo per la pelle (è fantastica per le scottature!) l’ho guardata con diffidenza.

«L’aloe non solo depura l’organismo dalle tossine, è un potente anti-infiammatorio naturale ed è perfetto per te che sei pure celiaca, così ti liberi di un po’ di schifezze che hai nell’intestino» mi fa.

Ci ho riflettuto e mi son detta: perché no? Male che vada male non fa e poi, soprattutto, non costa fatica.
Il resto lo ha fatto un’altra mia amica farmacista che mi ha consigliato una versione di aloe facile da mandar giù, efficace e pratica Aloe vera con succo di mirtillo di Esi, in bustine monodose comode da portarti anche in giro.
Circa 10 giorni fa ho iniziato il mio percorso depurativo che consiste semplicemente nel ricordarmi ogni giorno di diluire una bustina (o due) di Aloe Vera Pocket Drink in un po’ d’acqua: per la serie minima spesa, massima resa.

Ovviamente non sono diventata una gnocca spaziale ma i primi risultati io li vedo, sulla pelle e nella pancia. Non “sulla pancia”, leggete bene: non sono dimagrita ma la mia pancia, che normalmente vive di vita autonoma, non borbotta più e non è tesa come un pallone gonfiato quando mi sveglio.
Ah, la pelle mi sembra più luminosa e tonica quindi mi sa che continuo almeno per altri 20 giorni.

PS. Il vero detox comincia dalla mente: io ho fatto piazza pulita di un po’ di pensieri negativi e di persone ammorbanti. Vi assicuro che questo, insieme all’aloe, aiuta pancia e pelle!


Lascia un commento con facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *