Ale Birba

Sono sempre stata per tutti Ale Birba. Birba per via del mio carattere irriverente, per il mio modo di vivere sopra le righe e dire sempre ciò che pensavo senza filtri. Poi, poco meno di due anni fa, due striscette blu su un rettangolino bianco hanno improvvisamente aggiunto un nuovo “nickname” di una portata immensa: mamma!

Ed ecco che la mia vita incasinata e imprevedibile vissuta sull’onda “del doman non v’è certezza” si è dovuta resettare su orari, esigenze e aspirazioni di un esserino di appena 50 centimetri. E tutto è inesorabilmente e meravigliosamente cambiato.

Tutto tranne il fatto che sono e continuo ad essere una Birba: refrattaria alle regole, curiosa, sperimentatrice e tanto (tanto!) imperfetta.

Da quando è arrivato “Lui” ho cercato, chiesto, implorato a mamme con più esperienza, che mi aiutassero in questo difficile compito anche perché ancora mi chiedo dove sia finito il libretto d’istruzioni visto che a me il pupo l’hanno consegnato senza (l’avrò perso come al solito).

Ed ecco da dove nasce l’idea di BirbaMamme.

Anzi, a dire il vero l’idea è nata al primo evento ufficiale in cui ho portato il Bambolotto. Il matrimonio di un’amica. Lui era impeccabile con un completino scelto ad hoc che costava più del mio outfit, scarpe comprese.

Ma poco prima della foto ufficiale il soave Bambolotto ha deciso di fare quello che nei primi tre mesi non aveva mai fatto: una scagazzata di dimensioni epiche che ha imbrattato il suo completino da un milione di dollari, il mio outfit dozzinale e parte della camicia del papà perché ovviamente, il posto super figo del ricevimento non prevedeva bagni mamma friendly dotati di fasciatoio.

In quel momento mi sono sentita affranta, persa, inutile. Esattamente come il contenuto straripante del suo pannolino.

Ma come cantava il caro De Andrè che sicuramente era un BirbaPapà “dal letame nascono i fiori dai diamanti non nasce niente…”

E allora ci ho riso su e ho capito di cosa mi sarei dovuta dotare in futuro (a parte una muta ignifuga!) per evitare che ricapitasse e cosa avrei voluto mi fosse detto da chi c’era passato.

Più o meno così è nato BirbaMamme che altro non vuole essere che il posto dove ritrovarsi con altre donne/amiche/mamme a scambiarsi racconti e consigli per facilitarsi la vita senza la pretesa di diventare delle super mamme ma solo delle scanzonate, irriverenti e adorabili mamme migliori che si possa essere… ossia BirbaMamme.

Benvenute a casa amiche!